Blog

logo footer new reduced

Hiro in the books

News - 22 Maggio 2019

Hiro in the books

by Barber Mind

Hiro in the books

Il press day dedicato ai libri di Hiro

 

Lunedì scorso la Barbieria di Milano ha ospitato il suo primo Press Day. Davide Depalo infatti, ha intervistato Hiro, che ci ha raccontato la sua avventura nel mondo dell’editoria. Barber Mind è stato il partner ufficiale dell’evento, organizzato da Valentina Ottone, Supermad e Abc Production.

Vogliamo ringraziare tutti i giornalisti presenti e Marcello Dondè, che grazie al gin offerto dal nostro Partner Beverage Mi & Ti, ha preparato i cocktails per la serata.

Durante l’intervista - che trovate qui - Hiro ci ha raccontato la sua esperienza con i libri. Esatto, Hiro ha lasciato la sua firma anche sulla carta stampata. L’abile imprenditore e barbiere milanese infatti, ha raccontato alle telecamere del suo percorso nell’editoria, sottolineando l’importanza di lasciare il segno del proprio lavoro anche in un libro. Anzi, in tre libri!

Già, perché Hiro è uno dei protagonisti di Kings of Beard (Peruzzo Editoriale, 2017), un grande viaggio che vi farà conoscere l’antico mestiere del barbiere, grazie all’esperienza dei suoi protagonisti: diciassette barbieri di grande talento provenienti da tutta Italia. Ma non finisce qui! Hiro: fiaba idrofoba di un eroe gaglioffo (Safarà Editore, 2018), è la graphic novel di cui Hiro è protagonista. Un’autobiografia davvero originale, che si distingue sia nella storia che nel formato (approfondite l’avventura in questo articolo). A ciascuno la sua barba (Hoepli, 2019) infine, è il terzo libro a cui Hiro ha dato il proprio contributo, occupandosi della prefazione, e curando la sezione dedicata ai prodotti e alle barbierie consigliate.

Hiro ci racconta che suo padre aveva un negozio di pasta fresca. Accanto al negozio di famiglia c’erano da un lato un benzinaio, dall’altro un barbiere. Un giorno suo padre gli disse: “visto che a scuola non ti ci fanno più entrare, scegli se andare a lavorare da Ivo, oppure da Vincenzo”.

Ivo era il benzinaio.

Vincenzo il barbiere.

Il freddo di febbraio e l’immagine di Vincenzo che tra un taglio e l’altro giocava a carte con i suoi ragazzi, convinsero Hiro a chiedergli di lavorare con lui.

Fu così che Hiro scelse Vincenzo.

Fu così che Hiro scelse di diventare un barbiere.